Terni, al via il primo corso di formazione per operatore paralimpicoVersione stampabile


immagine sinistra

TERNI – È il primo corso in Umbria dedicato interamente alla formazione di operatori paralimpici. Si terrà a Terni, presso il Centro per l'autonomia umbro, dal 18 febbraio all'11 marzo 2014. Sarà composto da sette lezioni, di circa tre ore l'una, dove si parlerà di vari argomenti come: gli strumenti di valutazione ed orientamento allo sport per persone con disabilità, l'accessibilità e piena funzionalità dell'impiantistica sportiva; sitting volley; l'attività motorio-sportiva come processo formativo primario negli alunni con disabilità, il ruolo della scuola.

Il corso è gratuito ed è rivolto ad assistenti sociali, docenti ed operatori della scuola, dirigenti ed istruttori sportivi. Hanno aderito già oltre 40 persone e sarà ancora possibile iscriversi fino alla fine di questa settimana. È stato organizzato dal Cip (Comitato Italiano Paralimpico) Umbria e dalla Scuola dello Sport Coni Umbria in collaborazione con il Comune di Terni, Inail – Direzione Regionale Umbria, Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria, Centro per l’autonomia Umbro e la Federazione Italiana per il superamento dell’handicap Umbria. I docenti non riceveranno alcun compenso ma sarà dato loro un credito dal Cip, dalla scuola di specializzazione e da quella dello sport.   

L'iniziativa è stata illustrata martedì mattina (11 febbraio) presso la sala Consiliare di palazzo Spada a Terni da: Francesco Emanuele, presidente Cip Umbria e vice presidente della Scuola dello Sport del Coni Umbria; Domenico Ignozza, presidente Coni Umbria e della Scuola dello Sport del Coni Umbria; Moreno Rosati, vice presidente Coni Umbria; Stefano Desantis, delegato Cip provincia di Terni; Leopoldo Di Girolamo, sindaco del Comune di Terni; Luca Paparelli, assessore allo sport della Regione Umbria; Filippo Beco, assessore allo sport della Provincia di Terni; Renato Bartolini, assessore allo sport del Comune di Terni; Giuseppe Schillaci, direttore della scuola di specializzazione di medicina dello sport dell'Università degli Studi di Perugia; Andrea Tonucci, responsabile del Centro per l'autonomia umbro; Marina Marini, in rappresentanza dell'ufficio scolastico regionale per l’Umbria; Elisabetta Eminente, responsabile Inail provincia di Terni.  

Stefano Desantis, delegato Cip provincia di Terni, ha aperto la conferenza stampa affermando che il corso "è finalizzato per garantire il diritto allo sport a tutti, anche ai disabili, formando ed informando gli operatori dei vari settori. Abbiamo messo in moto varie attività - ha proseguito - per adeguare gli impianti sportivi, per aprire il parco sensoriale in via degli Oleandri a Terni, per dare vita ad uno sportello del cittadino ed, insieme alla provincia di Terni, stiamo lavorando per l'abbattimento delle barriere architettoniche del palazzetto dello sport di via Trieste. Stiamo, infine, lavorando su di un progetto rivolto alle scuole elementari".

Subito dopo Francesco Emanuele, presidente Cip Umbria e vice presidente della Scuola dello Sport del Coni Umbria, ha espresso parole di soddisfazione e "gioia per quello che sta succedendo oggi, per l'attenzione che c'è intorno a questa iniziativa. È un corso - ha detto ancora - finalizzato ad istruire operatori affinché seguano al meglio tutte le diverse disabilità. Sarà insegnato il metodo per eseguire la corretta classificazione degli atleti. Grazie ad Inail sarà presente anche il centro protesi di Budrio con dei medici che parleranno dell'utilizzo delle protesi e degli ausili per l'attività sportiva degli atleti disabili. Come Cip e Coni faremo di tutto per far abbattere tutte le barriere architettoniche". In conclusione Emanuele ha portato i saluti di Carla Casciari, vice presidente della Regione Umbria con delega al Welfare, assente per motivi istituzionali.

"Mai prima di oggi - ha sottolineato invece Domenico Ignozza, presidente Coni Umbria e della Scuola dello Sport del Coni Umbria - era stato organizzato un corso intero dedicato all'attività paralimpica e sono contento che sia tenuto a Terni, una città, seconda solo a Roma, per le attività internazionali che sono state programmate lo scorso anno". Nel corso del suo intervento Ignozza ha anche annunciato che "la sede storica delle federazioni sportive ternane sarà riaperta per ospitare il Coni Point. Entro fine mese termineranno i lavori di ristrutturazione e poi arrederemo i locali per farci tornare le quattro dipendenti del Coni".

Il Sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo, ha detto: "Questo corso è il primo a livello regionale ma forse anche nazionale. È stato dimostrato che sport e cultura sono i due settori dove di costruisce in maniera più incisiva il processo di integrazione. Noi abbiamo puntato molto sullo sport anche perché porta vantaggi all'indotto turistico. Continueremo a lavorare su questo versante".

Luca Paparelli, assessore allo sport della Regione Umbria, ha rimarcato come "iniziative come questa sono importanti perché è stato dimostrato che oltre il 58% della popolazione italiana non pratica alcuna attività sportiva e questo a danno della salute e dei soldi che vengono spesi in questo versante".

"Si apre oggi una pagina importante del lavoro di squadra - ha affermato Filippo Beco, assessore allo sport della Provincia di Terni - che dimostra che, nonostante la crisi finanziaria, c'è la volontà di mantenere alti i valori dell'integrazione. La Provincia di Terni ha investito 700mila euro per l'adeguamento degli impianti sportivi del territorio visto che sono circa 4.000 i ragazzi che li frequentano tutte le settimane".

"Apprendere che il Coni torna a Terni è davvero una bella notizia", ha dichiarato Renato Bartolini, assessore allo sport del Comune di Terni, ringraziando poi l'Inail e l'Ufficio Scolastico Regionale per il loro contributo per il corso. 

Moreno Rosati, vice presidente Coni Umbria e presidente Circoscrizione Sud, ha rimarcato il lavoro che è stato fatto insieme a Stefano Desantis in favore dei disabili e ha inviato tutti i presenti alla fiaccolata dello sportivo, in programma giovedì prossimo alle ore 17 a Terni.

Andrea Tonucci, responsabile del Centro per l'autonomia umbro, ha affermato che il corso è il "punto di partenza fondamentale per due obiettivi concreti: far accrescere le capacità delle associazioni sportive inducendo così le persone disabili a praticare sport. È il primo passo verso un impegno strutturato per ospitare, all'interno della nostra struttura, un centro di avviamento allo sport paralimpico".

Elisabetta Eminente, responsabile Inail provincia di Terni, ha sottolineato come sia proficua la collaborazione tra "Inail e Cip nata nel 2006" mentre Marina Marini ha portato i saluti dell'ufficio scolastico regionale. 

Ha chiuso la carrellata di interventi Giuseppe Schillaci, direttore della scuola di specializzazione di medicina dello sport dell'Università degli Studi di Perugia, che ha dichiarato: "lo scopo di fare un'attività fisica per una persona disabile è soprattutto sociale. In secondo luogo viene quello sanitario: per prevenire le malattie cardio-vascolari e muscolari. Il nostro compito è quello di formare medici specializzati in medicina dello sport".

(Luana Pioppi)



12/02/2014

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Settembre  >>
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Superabile
IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico