Sitting volley, la nazionale italiana e quella brasiliana a PerugiaVersione stampabile


immagine sinistra

La squadra nazionale di Sitting Volley fa tappa a Perugia insieme a quella del Brasile, vice campione mondiale 2014-16. Gli azzurri saranno presenti nel capoluogo umbro martedì 17 e mercoledì 18 febbraio per uno stage comune e per disputare la loro prima gara internazionale. Il programma prevede per il primo giorno un allenamento congiunto, dalle ore 17,30 alle 19,30, presso il palazzetto "G. Paltriccia" di San Sisto. Mercoledì, dalle 10,30 alle 12,30, le due squadre suderanno presso la palestra dell'istituto istruzione superiore "Cavour - Marconi - Pascal" di Piscille. Prima sosterranno un allenamento congiunto e poi, dalle 11,45, gli atleti saranno a disposizione degli alunni delle scuole per una dimostrazione e un coinvolgimento in campo degli alunni allo scopo di evidenziare come questa disciplina sportiva possa essere considerata inclusiva e integrata con uguali possibilità tra normodotati e disabili. Alle ore 18, presso la palestra Sant'Erminio di Perugia, sarà disputerà la gara ufficiale tra Brasile ed Italia. Gli azzurri saranno guidati dai tecnici Romano Piaggesi di Jesi e Luigi Bertini di Perugia.Le due squadre partiranno nella mattinata del 19 per Cagliari, dove proseguiranno il raduno collegiale, che si concluderà domenica 22 al Palasport di Via Rockfeller con il primo "International Rotary Sitting Volley Cup", con la partecipazione anche della nazionale della Croazia e di una Rappresentativa della Sardegna.

Il Sitting Volley è disciplina della pallavolo per disabili fisici che la Fipav (Federazione Italiana Pallavolo) ha adottato nel 2013 per il tramite del Cip (Comitato Italiano Paralimpico). La Fipav Umbria è stata un po' la sostenitrice primaria di questa inclusione nell'ambito federale, con dirigenti umbri che guidano il settore a livello nazionale.Uno dei progetti che il settore federale sta portando a compimento è quello delle squadre nazionali. La prima uscita internazionale della compagine maschile si terrà proprio a Perugia nella partita contro il Brasile. La Pallavolo paralimpica (o sitting volleyball, o pallavolo per disabili) è una variante della pallavolo tradizionale che viene giocata da atleti disabili che restano seduti a terra.Fu giocata per la prima volta nel 1956 in Olanda. La differenza principale rispetto alla pallavolo tradizionale è il fatto che i giocatori sono seduti nel campo, di dimensioni inferiori rispetto a quello standard, con una rete posta a altezze inferiori: 110 cm per gli uomini, 105 cm per le donne. Il gioco si svolge in una palestra, fra due squadre composte ciascuna da sei giocatori (e sei riserve), con un campo di 6 m per 10 m.

Pur potendo competere anche i cosiddetti atleti standing (cioè amputati, ma in grado di stare in posizione eretta), la regola principale della sitting volleyball consiste nel fatto che un atleta al momento in cui tocca la palla deve avere il sedere a contatto con il parquet di gioco. il regolamento della pallavolo paralimpica consente agli avversari di murare il servizio avversario, a patto che i difensori mantengano la posizione seduta

Sebbene solo la sitting volleyball (pallavolo da seduti) faccia parte del programma dei Giochi paralimpici dal 1976 esiste anche una variante della pallavolo paralimpica che viene praticata con le carrozzine.

(Luana Pioppi)


17/02/2015

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Ottobre  >>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Superabile
IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico